La scomparsa e la morte della famiglia Jamison: il diavolo forse. Eufaula, Oklahoma 2009.

16736588_710032049171048_628113821_n

La famiglia Jamison di Eufaula, Oklahoma, Stati Uniti, era composta dal padre Bobby Dale Jamison, dalla madre Sherilynn Leighann, e dalla figlia Madyson Stormy Stella Jamison. Scomparve misteriosamente l’otto ottobre 2009. Era partita da casa in mattinata per visionare un terreno di quaranta acri di terra vicino a Red Oak, a circa trenta miglia da Eufaula, che avrebbe voluto comprare. Otto giorni dopo gli amici e la famiglia, non avendo loro notizie, ne denunciarono la scomparsa. Centinaia di volontari insieme a decine di agenti delle forze dell’ordine perlustrarono la zona di Red Oak. Il camion della famiglia Jamison fu ritrovato abbandonato lungo la strada. All’interno c’era ancora il piccolo cane di famiglia, stremato dalla fame, i loro portafogli, i telefoni cellulari, un sistema GPS, e 32.000 dollari in contanti.

Lo sceriffo diede inizio ad una enorme battuta di ricerca per ritrovare la famiglia, con droni, cani, e centinaia di poliziotti e volontari, alcuni anche a cavallo, ma non si trovò nemmeno un piccolo indizio. Era come se i Jamison fossero svaniti nel nulla. La polizia sospettò addirittura una sorta di scherzo. Incredibilmente, quattro anni più tardi, nel novembre del 2013, alcuni cacciatori di cervi trovarono i resti scheletrici di due adulti e un bambino, buttati a faccia in giù in terra tra gli arbusti in un luogo isolato a sole due miglia dal punto in cui era stato trovato, quattro anni prima, il camion abbandonato. I resti furono poi identificati con sicurezza come quelli della famiglia Jamison, ma erano così decomposti che non fu possibile accertare la causa della morte. Risultò subito molto strano che la grandiosa caccia all’uomo di anni prima non fosse riuscita a scoprire la famiglia così vicino al veicolo. Vista la grande quantità di denaro trovata nel loro camion, si pensò ad un affare di droga andato male.

Questo pareva in qualche modo confermato dal fatto che nei giorni precedenti la scomparsa, secondo i vicini, sia Bobby sia Sherilynn si erano comportati in modo strano e sembravano incredibilmente sofferenti ed emaciati. Ciò faceva pensare ad un uso di droga pesante, in particolare il crystal meth, una droga molto usata nella zona montuosa dove la famiglia era scomparsa, dove esistevano molti laboratori clandestini di meta anfetamine. Inoltre, il video ripreso dalla telecamera di sicurezza esterna alla casa dei Jamison il giorno della loro partenza, li aveva mostrati in una sorta di stato di trance o di stordimento: stavano senza parlare gli uni con gli altri in silenzio, si muovevano come robot e facevano decine di viaggi avanti e indietro dalla casa al camion caricando qualcosa imballato in scatole. Tuttavia, nel camion e nella casa non si trovò alcuna prova del consumo di droga, e gli amici e la famiglia insistettero che erano puliti, anche se in cattive acque finanziarie.

Si pensò che, anche se la famiglia non era direttamente coinvolta in un affare di droga, sarebbe potuta incappare in uno dei tanti laboratori segreti sparsi per la regione montagnosa, e uccisa per non rivelare nulla. Un’altra teoria popolare a quel tempo fu l’omicidio a sangue freddo puro e semplice. Una ragione poteva essere che Bobby Jamison aveva una faida in corso con il padre, Bob Jamison, che la famiglia aveva citato in giudizio per la proprietà di un distributore di benzina. Il padre di Bobby per ben due volte aveva minacciato di uccidere il figlio e la nuora. Si sparse anche la voce che Bob Jamison avesse legami con la mafia messicana. La madre di Sherilynn, Connie Kokotan, confermò che la figlia e il marito avevano paura di Bob. Tuttavia il padre di Bobby Jamison aveva un alibi, poichè era stato malato e ricoverato in ospedale al momento della sparizione.

Secondo altre teorie, la famiglia era stata uccisa da suprematisti bianchi legati a un uomo che nutriva rancore nei confronti di Sherilynn, e l’aveva minacciata una volta con una pistola. L’ uomo che aveva affittato una stanza in casa della famiglia aveva insultato la donna, nativa americana, con epiteti razziali. Sherilynn spaventata aveva preso una pistola e gli aveva ordinato di uscire da casa sua. L’uomo fu interrogato, ma fornì un alibi di ferro e fu rilasciato.

Si avanzò poi l’ipotesi dell’omicidio-suicidio all’interno della famiglia. Vi erano certamente indizi che portavano a questo. Entrambi i Jamisons avevano in diversi momenti sofferto di una grave depressione, un problema che si era acuito dopo la tragica morte della sorella di Sherylinn, Martha. Mentre il dolore costante di Bobby pareva fosse causato da un incidente stradale. Un medico legale aveva anche affermato di aver trovato un piccolo foro nella parte posteriore del cranio di Bobby Jamison, suggerendo così che gli avessero sparato con una calibro 22. Era possibile che Sherilyn avesse ucciso il marito e la figlia, e poi se stessa? Ma i corpi di madre e figlia non presentavano fori d’arma da fuoco e un’arma non fu mai trovata.

Ad un certo punto le cose presero una piega veramente bizzarra, entrando nel regno della stregoneria, dell’occulto e del paranormale. Il pastore della famiglia Jamison, Gary Brandon, si fece avanti con molte dichiarazioni strane. Sostenne che nei giorni precedenti alla scomparsa, Bobby e Sherilynn gli avevano detto di credere che la loro casa fosse infestata da presenze demoniache, e di essere coinvolti in una sorta di “guerra spirituale”. I coniugi sostenevano di avere contatti con gli spiriti dei morti e che la loro figlia, Madyson, parlava regolarmente con un bambino fantasma. Ma pare ci fossero addirittura due fantasmi chiamati Emily e Michael, e uno di loro aveva le ali come un angelo. Bobby Jamison era così sconvolto dai fantasmi che aveva comprato dei “proiettili speciali” con cui sparare alle entità, e sua moglie Sherilynn aveva cominciato a indagare se la casa fosse stata costruita su un antico cimitero indiano. Pareva avessero anche usato una “Bibbia satanica” al fine di liberare la casa dalle presenze. Infatti, fu ritrovata in casa una “bibbia della strega“. Questo sembrò spiegare alcuni messaggi criptici trovati dagli investigatori sulla proprietà della famiglia Jamison. Sul lato di un contenitore di stoccaggio erano state ritrovate delle parole misteriose: 3 gatti uccisi fino ad oggi comprare le persone in questo settore. . Alle streghe non piace il gatto nero ucciso’. Uscì allo scoperto un’amica di Sherilynn affermando che la donna era una strega e che molti dei gatti della famiglia erano stati avvelenati dai vicini. A quanto pare, la credenza negli spiriti e nelle streghe era dilagante in tutto il nucleo familiare Jamison. La migliore amica di Sherilyn Jamison, Niki Shenold, affermò che davvero Sherilynn era interessata alle streghe. Raccontò che anni prima avevano comprato le bibbie della strega. Secondo lei la casa dei Jamison era infestata. Ogni volta che c’era stata, aveva sentito una presenza terribile. Una volta era in soggiorno e una sorta di nebbia grigia era scesa giù per le scale. Sherilynn le aveva detto in un paio di occasioni, di aver visto il marito Bobby guardarla improvvisamente con due occhi come se fosse stato posseduto. Così lasciava bigliettini intorno alla casa con scritto ‘Vattene satana’ e cose del genere. La madre di Sherilynn dichiarò di credere che la figlia fosse stata coinvolta in una sorta di culto pagano e satanico. Allora fu considerato con altri occhi quanto ripreso dalla telecamera di casa giorni prima della scomparsa sostenendo che lo strano comportamento avrebbe potuto anche essere causa di qualche sorta di possesso spirituale o dell’influenza di qualche incantesimo occulto. Era droga o qualcosa di più? La stranezza del caso non si ferma qui.

La migliore amica di Sherilynn, Nicki, affermò anche di essere stata contattata da una donna che sosteneva che Sherilynn era stata coinvolta nel culto di una setta chiamata White Knights, i cui membri avevano giurato di ucciderla. Vicino al camion abbandonato della famiglia era stato trovato il relitto abbandonato di una vettura, a lungo utilizzato per la pratica di tiro e per la stesura di vari messaggi satanici scarabocchiati su tutta la carrozzeria. Nicki raccontò di strani avvenimenti verificatisi a seguito di questi messaggi: ‘Sono andata fino a quelle montagne circa un anno dopo la scomparsa, e vicino a dove i corpi sono stati trovati c’era una fila di auto parcheggiate con targhe del Texas. Quando siamo arrivati vicino al luogo effettivo sentimmo un paio di colpi di pistola. Sembravano colpi di avvertimento per me. Non mi spavento facilmente, ma quel luogo veramente era terrificante’ . Un altro dato strano è l’ultima foto di Madyson, la figlia della coppia, trovata sul cellulare di Bobby Jamison, e che sembra essere stata scattata in montagna il giorno della sparizione. Nella foto la ragazzina sembra essere distante dalla fotocamera con uno sguardo infelice sul viso e le braccia incrociate. Che cosa stava succedendo? Perché quella strana fotografia?

Infine, alcune persone hanno notato come il caso della famiglia Jamison, abbia una certa sincronia spettrale con il fenomeno noto come il “grado di latitudine 35”, o come alcuni dicono, “La linea della tragedia”. Infatti, lungo il grado di latitudine 35 accaddero tutta una serie di brutali omicidi, compreso il caso sconvolgente di Andrea Pia Yates Kennedy, una donna di Houston che soffriva di depressione post-partum e che il 20 giugno 2001 uccise tutti e cinque dei suoi figli annegamdoli in una vasca da bagno. Un altro famoso omicidio verificatosi lungo questa linea è stato l’orribile assassinio di Carol Pastor Daniels, il cui cadavere mutilato fu trovato appoggiato dietro l’altare della chiesa che frequentava, un omicidio che fu collegato al satanismo. Il grado di latitudine 35 ° riguardava anche il luogo dove Timothy McVeigh condannato per l’attentato di Oklahoma City del 19 aprile 1995 che uccise 168 persone, di cui 19 bambini, il più sanguinoso atto terroristico perpetrato nel territorio degli Stati Uniti fino agli attentati dell’11 settembre 2001. A che latitudine erano scomparsi i Jamisons ? Avete indovinato, il grado di latitudine 35 °. In aggiunta a questi omicidi, un’altra scomparsa stranamente simile a quello della famiglia Jamison e che si verificò lungo il grado di latitudine 35 °, fu la misteriosa scomparsa di Tommy Raymond Eastep. Dopo aver visitato Eufaula, la stessa città dove aveva abitato la famiglia Jamison, l’uomo scomparve nel nulla, e la polizia ritrovò il suo camion abbandonato in autostrada presso il bivio di Wetumk, latitudine nord 35 ° gradi . È tutto semplice coincidenza, o c’è qualcosa di più sinistro che collega tutti questi fatti?

A cura di Lara Pavanetto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...