Laguna di Sangue. Cronaca nera veneziana di fine Ottocento

Gazzettino, ritratto di InesFinalmente ci siamo. 1 anno di ricerca, 6 testate giornalistiche controllate, 10 fondi archivistici sondati, 75 articoli di giornali trascritti. 30 casi di cronaca nera per 240 pagine. Tutto questo è Laguna di Sangue. Cronaca nera veneziana di fine Ottocento. La mia ultima fatica. Cosa troverete dentro? La Venezia di fine Ottocento, quella Venezia che forse alcuni di voi intravedono nei resti di alcune fabbriche, nei nomi di alcune strade e nei racconti dei loro nonni e bisnonni. Perché un nuovo libro di cronaca nera? per conoscere una Storia dimenticata, anzi sepolta negli archivi, una storia fatta di uomini e donne che vissero un’epoca che a torto o ragione ci ha traghettati dove siamo oggi. Conoscerete i migliori avvocati, le penne dei giornali più abili nel trovare le notizie, i poliziotti più decisi a chiudere i casi e i giudici più inflessibili nel condannare i colpevoli. Ma anche vittime di femminicidi, assassini spregiudicati, Serial Killer e poveri diavoli.

Ecco la scheda del libro, edito da Helvetia Editrice.

Libreria del Congresso USA

Libreria del Congresso USA

“Con l’annessione al Regno d’Italia nel 1866 e l’inizio dell’industrializzazione in Laguna, Venezia entra nell’età contemporanea. Anche se i nuovi sistemi di lavoro stanno lentamente cambiando la società, rimane inalterata la passione popolare per quanto rientra nella cronaca nera, in particolar modo verso delitti e fatti di sangue. Ad alimentare tale curiosità contribuiscono i resoconti, spesso a tinte fosche, dei giornalisti della carta stampata che presenziano alle udienze in Tribunale per i processi riguardanti assassini, uxoricidi e criminali di vario genere. Presto l’avvocato Leopoldo Bizio Gradenigo e il patologo legale Vittorio Cavagnis, resi celebri dai quotidiani, avranno un seguito di ammiratori che attenderanno i loro fondamentali interventi con trepidazione. La curiosità morbosa verso criminali come lo “Scannapreti” (Vianello Vianelli) e il “Questurino” (Simone Rizzardi), è identica a quella che ai giorni nostri domina nei talk show sensazionalistici e nei telegiornali… Trenta casi, che molto hanno fatto discutere i veneziani, analizzati dal ricercatore storico Davide Busato.”

Il primo appuntamento è il 18 giugno alle ore 19:15 nell’ambito dell’Art Night presso la libreria Giunti alla Maddalena- Venezia. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...