Il caso Cianciulli e l’importanza delle fonti

Oggi si è sempre più agevolati nella ricerca delle informazioni dai mezzi messi a disposizione nel Web, ciò nonostante questo può anche diventare particolarmente pericoloso quando la ricerca non vaglia le fonti e riporta dati parzialmente errati, nelle migliori delle ipotesi, o totalmente inventati nelle peggiori. Ecco un esempio fresco fresco su uno dei casi che ancora oggi tiene “banco”: il caso Cianciulli: “E’ la più nota serial killer italiana, ma per il Corriere della Sera, edizione di ieri, è stata l’occasione per rifilare un po’ di giornalismo disinformato ai propri lettori. Vediamo cos’è successo: parliamo di Leonarda Cianciulli, che tra il 1939 ed il 1940 uccise tre donne e -dice la leggenda- ne fece sapone e pasticcini, che poi offrì alle amiche. Passò alla Storia come la “Saponificatrice di Correggio”. Tutto molto bello, ma è falso. Scusate se mi cito da solo, ma nel 2011 scrissi un libro su di lei, con Vincenzo Mastronardi (“Leonarda Cianciulli. La Saponificatrice“, Armando Edizioni), per raccontarne la vera storia. Tre anni di ricerche, migliaia di atti processuali spolpati pagina per pagina. La dimostrazione che esisteva un complice e il suo nome. Esami grafologici e della scena del crimine affidati ad esperti.Le indagini rifatte da capo. “. Leggi il resto dell’articolo su www.cronaca-nera.it ! 

Nel 2013 ho avuto la fortuna di avere tra gli ospiti di una Rassegna Letteraria proprio Fabio Sanvitale, autore, assieme a Vincenzo Mastronardi, del saggio sulla Saponificatrice di Correggio.

Ecco il video

Il libro lo trovate ancora e ve lo consiglio! Fabio Sanvitale

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...