Gli errori della puntata di Voyager 14 luglio 2014

Martin4Ieri sera 14 luglio  è andata in onda una nuova puntata del programma televisivo di Giacobbo, Voyager – ai confini della conoscenza, su Rai2. Il programma di taglio divulgativo si prefigge lo scopo di raccontare aneddoti, misteri e leggende, ieri sera la puntata era centrata su Venezia. La trasmissione ha offerto una splendida panoramica del Palazzo Ducale, in particolare dei passaggi segreti, del Casinò di Ca’ Vendramin Calergi e dell’Isola di San Giorgio in Alga. Premettendo che nel complesso si sono potuti ammirare luoghi che generalmente il turista non vede, tuttavia il testo presentava una serie di errori storici, ne ho individuato una decina e per amore della cultura, nonchè nella speranza che in futuro tali temi possano essere trattati in maniera “storica” e non leggendaria, ve li segnalo:

1- La storia raccontata sul povero Fornareto, accusato per un delitto mai commesso, è una invenzione tardo Seicentesca, nessun documento d’archivio dell’epoca riporta i fatti, questo era già stato segnalato da un archivista dell’Ottocento: Giuseppe Tassini, nel suo Alcune delle più clamoroso condanne capitali eseguite in Venezia, ne trovate una copia consultabile on line su Google

2 – Stesso discorso vale per Biagio Luganegher, definito erroneamente, come il primo Serial Killer, in realtà figura mai esistita, anche di questo ne trovate la storia sul Tassini ed anche sul mio “I Serial Killer della Serenissima”. Il primo SK storicamente esistito è il Guidetti e siamo nel Seicento.

3- Nelle celle delle Prigioni di Palazzo Ducale non si viveva in otto, le condizioni di vita erano alquanto elevate e le continue leggi per limitare le fughe, il continuo passaggio di donne, e i giochi proibiti, ne sono la riprova, a tal proposito consiglio il saggio di Giovanni Scarabello “Carcerati e carceri a Venezia dal XII al XVIII secolo”.

4 – Giacomo Casanova non fuggi da solo, aveva corrotto una guardia e fuggi con un altro prigioniero, il frate Marino Balbi, non mi risulta nemmeno che si fermò a Lavena.

5 – Sulle due colonne di San Marco, si è raccontato come furono erette in piazza, in realtà anche questo è frutto di leggenda, dato non dichiarato, non possediamo nessun documento archivistico di quel periodo e tutti i personaggi citati sono leggendari.

6- Il cimitero dei Templari sotto Palazzo Ca’ Dario, leggenda anche questa, tra l’altro facilmente smentibile, lo storico Wladimiro Dorigo ricostruisce tutta l’area nel suo “Venezia Romanica” 

7- Alla Croce di Malta, Fossa Putrida, vi era un edificio dei templari, questo è un errore comune, nemmeno tanto facile da smentire in quanto ancora oggi pochi sono gli studi fatti, eppure Anthony Luttrell nel suo articolo The Hospitaller Priory of Venice in 1331, pp.101-115 nella rivista Milita Sacra gli ordini militari tra Europa e Terrasanta a cura di E. Coli, M. De Marco, F. Tommasi, Perugia 1994, dimostra come in realtà nell’atto di acquisto non erano segnalati i templari che avevano, invece, altre proprietà nei pressi di San Marco.

8-San Giorgio in Alga non ha mai avuto nessun legame con l’ordine dei Templari a Venezia, consiglio la lettura di Flaminio Corner ma ci son altri saggi più recenti sulla storia dell’isola.

9 – Tutta la parte su palazzo Ca’ Dario è frutto di una leggenda, nel mio blog ho dedicato un pezzo.

10- Il Doge non leggeva mai le sentenze di morte, raramente si esprimeva in pubblico e mai dalle due colonne del Palazzo Ducale

Son sicuro che mi son sfuggiti altri errori, senza polemica alcuna mi auguro che in futuro si decidesse di raccontare la Venezia leggendaria, si specificasse che storicamente i fatti sono altri…siamo una città martoriata da un turismo di massa, abbiamo bisogno culturalmente di offrire una immagine diversa, se di Templari vogliamo parlare finanziamo delle ricerche son sicuro che si farebbero felici decine di ricercatori precari.

 

Annunci

8 risposte a “Gli errori della puntata di Voyager 14 luglio 2014

  1. Hai perfettamente ragione riguardo alla trasmissione “Voyager”, relativa a Venezia, hanno detto un sacco di st……….te, sarebbe ora di finirla e, semmai, far parlare i valentissimi docenti dell’Università di Cà Foscari, a cominciare dal prof. Ortalli, vero pozzo di scienza e conoscenza, allora si che si comincerebbe veramente a parlare di “Storia di Venezia”, ma forse alla gente piace di più sentire le storie tipo “Fornaretto e Biagio”, in ogni caso hai tutta la mia stima. Silvano Deon.

  2. Occhio che al link “Carcerati e carceri a Venezia dal XII al XVIII secolo” si rimanda di nuovo al libro “Alcune delle piú clamorose condanne capitali…”

  3. altri errori:
    #1 aver definito i nobili veneziani del XVI secolo come “conti” .
    #2 il buon Giacobbo ha ripetutamente confuso il Consiglio dei X con il Maggior Consiglio.
    #3 Onestamente la descrizione del Governo della Repubblica non faceva intendere nulla della complessità politica Repubblicana.

  4. Grazie Davide per le tue correzioni, apprezzatissime. Anch’io ho guardato Voyager l’altra sera (non è certo il mio programma preferito, non lo guardo mai, ma ero troppo curiosa). Per tutta la puntata non ho fatto che rabbrividire di fronte alle grandi imprecisioni, alle frequenti inesattezze, alla poca cura del vero (la parte su Casanova mi ha fatto davvero arrabbiare).
    Da una parte capisco (forse) gli scopi della trasmissione, dall’altra non gode della mia stima chi ricorre a pure invenzioni pur di attrarre l’attenzione di un pubblico che, più o meno consciamente, è vittima di questa “moda del mistero”.

    Approfitto di quest’occasione per farti i complimenti per il tuo Venezia Criminale. Non sono un’amante del noir e in genere non compro questo tipo di scritti… ma il tuo testo è non solo interessantissimo, ma anche scritto con rigore storico e ottimo senso critico.
    Complimenti!

  5. Anche le trasmissioni televisive possono sbagliare. Sono fatte da uomini ed è tollerabile che qualche errore ci possa stare. Comunque, complimenti per averlo voluto segnare e per amor della cultura, c’è lo hai reso noto. Grazie al tuo blog si può leggere che c’è stata una ricerca storica su Venezia ben dettagliata e ben strutturata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...