Pillole di storia: Poveglia e le saline

Sulla remota origine e importanza dell’isola di Poveglia ci sono numerosi documenti, alcuni riguardano le prime attività economiche che si erano sviluppate in laguna, vi racconto questo episodio su di una salina.

Nel maggio del 1163, a Malamocco, un giudice e due testimoni di Poveglia, attestarono che il gastaldo dell’isola aveva confermato i confini di una palude a Poveglia, nella quale suo padre si dedicava alla pesca pagando un censo al vecchio proprietario Giovanni Succugullo. Aveva avuto ordine di porre in chiaro i confini di questo luogo dallo stesso Doge Vitale Michiel e ovviamente aveva chiesto aiuto a suo padre che li ci pescava. Questi gli raccontò che una volta quella palude era un fondamento salino, vi si produceva sale e lo stesso Succugullo riscuoteva la sua rendita commerciandolo. Oramai non fungeva più come salina e ci si limitava ad usarlo per la pesca d’estate e per la caccia d’inverno. Nelle varie paratie in legno delle vasche, non restava più traccia ma si riusciva ancora a percepire come fosse diviso. Un secolo dopo, nel 1287, i Giudici del Piovego, una magistratura che oggi per noi è il Magistrato alle Acque, visitarono questo luogo e constatarono che non era chiaro dove iniziasse la proprietà privata e dove quella pubblica. Poteva essere un problema di conflitto privato-pubblico e cosi decisero di tornare numerose volte per chiedere aiuto agli abitanti, tra i quali vi era anche Don Giovanni Succugullo, lontano discendente del proprietario della salina. Attraverso i racconti degli anziani riuscirono a delimitare con pali in legno la palude, affinchè tutti sapessero dove potevano liberamente pescare e cacciare senza render conto a nessuno.

saline_di_cervia

Le saline di Cervia, non troppo distanti da quelle dell’antica Serenissima

L’attività del sale fu importantissima nella Venezia prima di Venezia, in questo caso ancora nel 1160 un antico fondamento distrutto era identificabile, mentre alla fine del secolo successivo bisognò affidarsi alle testimonianze degli anziani per ricostruire i confini, perchè oramai era solo una delle tante paludi sperduta nella laguna e costituita da velme e canali.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...